Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione e cultura Parmense su www.NelParmense.it

Cammina Cammina si tuffa in Liguria

La Provincia di La Spezia protagonista, nelle tappe del 29 e 30 giugno 2007,  della Camminata Evento 
che ‘risveglia’ la Via Francigena

Il sole è ormai alto e, alle spalle dei pellegrini, passo dopo passo, la Toscana si fa sempre più lontana. Venerdì 29 giugno 2007, con una speciale tappa ospiti partita da Aulla, Cammina Cammina si tuffa in Liguria. L’alternarsi di paesaggi e motivi d’interesse è nella natura stessa del progetto che, patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e  ideato da Provincia di Parma e Parma Turismi, con la partecipazione delle province di La Spezia, Lucca e Massa Carrara, intende valorizzare e rendere fruibile con un’originale proposta di turismo alternativo il tratto della Via Francigena da Fidenza a Lucca. E la settima tappa, per gran parte tracciata nella provincia di La Spezia, ne è un chiaro esempio: dopo aver accarezzato l’Abbazia di  San Caprasio ad Aulla e il borgo di Bibola, (con visite e illustrazioni a cura del Comune e della guida), il sentiero scende ripido verso il fondovalle in ambienti particolarmente interessanti anche dal punto di vista geologico, attraversa i territori un tempo dominati dai Signori del Castello della Brina, del quale oggi restano sono le rovine con la famosa torre cilindrica abbattuta, e conquista la cinta muraria di Sarzana. Giunti nella vivace cittadina ligure, mentre gli ospiti rientrano ad Aulla, i pellegrini si trasferiscono all’albergo La Villetta, prima della visita al centro storico o della gita a Fosdinovo con pullman messo a disposizione dal Comune. 

Il 30 giugno il cammino riprende come guidato dal profumo del mare che fin da Sarzana sembra promettere un tuffo nell’ acqua limpida di Marina di Massa, e, attraverso un facile percorso che consente di apprezzare appieno i resti della città romana di Luni, col suo anfiteatro e le sue domus, la torre di Castruccio Castracani ad Avenza e l’antica Via Silicea (oggi Silcia), riporta i piedi sulle strade della Toscana.  

L’intersecarsi della linea del tracciato con quella dei confini geografici è un simbolo spontaneo della partecipazione di 3 regioni, 24 comuni e 4 province alla messa in sicurezza e alla restituzione della fruibilità turistica di un tracciato emozionante. Nelle parole dell’Assessore al Turismo delle Provincia di Parma Gabriella Meo, «Vedere questa creatura, espressione di una volontà congiunta di 3 amministrazioni provinciali, alzarsi in piedi e compiere i primi passi, è un’emozione indescrivibile. La Via Francigena, nel tratto da Fidenza a Lucca, torna oggi a disposizione di un turismo responsabile e consapevole, religioso e non, volutamente lento, che sceglie di muoversi a piedi o in bicicletta usufruendo di sentieri e percorsi adeguatamente segnalati e in sicurezza».

Prenotazione obbligatoria: Antico Borgo Viaggi filiale di Salsomaggiore Terme Tel. 0524/573561 

Per informazioni:
Parma Turismi 
   Tel 0521.228152    Fax 0521.223161


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
https://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2019
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy