Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione e cultura Parmense su www.NelParmense.it

A Roccabianca, per "a Tavola con il Blues" 
tre artisti "inediti" per l’Italia

Nella città della bassa parmense la manifestazione itinerante somma le sonorità dei due grandi fiumi (Mississippi e Po) alle prelibatezze come la bistecca di bisonte. 
Prosegue la Mostra fotografica alla reggia di Colorno

"A tavola con il Blues-Rootsway Roots’n’Blues & Food Festival" fa tappa venerdì e sabato sera nella Corte Le Giare di Ragazzola, frazione di Roccabianca, uno dei Comuni della Strada del Culatello di Zibello, la zona della bassa parmense dove si trovano alcuni dei più importanti prodotti di eccellenza dell’Italia gastronomica. E forse la rassegna in corso poteva essere concepita solo qui, perché unisce lo spirito di due grandi fiumi (Mississippi e Po) attraverso due elementi di rilivo come il Blues delle radici e alcuni piatti.

Venerdì 22 giugno, sul palco della Corte Le Giare di Ragazzola ci saranno alle 21.00 Dago Red e alle 22.30 Afrissippi, per la prima volta in Italia; sabato 23 giugno alle 20.30 esibizione di Lowdown Fellows, alle ore 21.30 LC Ulmer Band (anche per lui un debutto nel Belpaese) e alle 23.00 Willie King & The Liberator e jam session finale. Va ricordato che l’ingresso alle serate musicali è gratuito.

E sulle tavole, i piatti (a prezzo contenuto) avranno il sapore dei prodotti tipici della Strada del Culatello di Zibello associati a quello di una specialità tipica del profondo Sud Usa, come le bistecche di bisonte.

In una parola, si può partecipare alle serate del Festival per ascoltare la musica vera, del Delta del Mississippi e di alcuni bluesmen italiani di notevole capacità, magari bere qualcosa (Le Cantine Bergamaschi propongono anche quest’anno un vino IGT edizione speciale), oppure, trovare posto a tavola e fra un piatto e l’altro godersi le performance dei musicisti che si succedono ai microfoni.

Alla Reggia di Colorno, c’è la Mostra fotografica "Segni e Sogni d’America" di Vilma Ricci e Giovanni Grilli, realizzata in collaborazione con l’Associazione Color’s Light di Colorno. La Mostra è visitabile nelle Sale espositive della Reggia fino al primo luglio, tutti i sabati egiorni festivi dalle ore 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.30, oppure su prenotazione telefonando allo 0521 313336.

Va ricordato che "A Tavola con il Blues", dopo l’anteprima di Diolo (novità del 2007) si è spostato a Sissa e dopo Roccabianca ci saranno le tappe di Polesine Parmense (Zona Porto), venerdì 29 e sabato 30 giugno, e Zibello (Piazza Garibaldi), venerdì 6 e sabato 7 luglio, perché è una manifestazione "itinerante" e che oltre a valorizzare musica e gastronomia, vuol far conoscere alcuni luoghi e Corti suggestivi del territorio.

Afrissippi -per la prima volta in Italia- (vero nome Guelel Kumba) nato e cresciuto in Senegal, ma trasferitosi da diverso tempo a Oxford/Mississippi, è il tipico esempio di fusione musicale fra la musica autoctona africana (Kumba senegalese) e quella del nord del Mississippi (Hill Country Blues). Spesso suona con musicisti come: Eric Deaton, Cedric Burnside e Kinney Kimbrough. Il suo album "Fulani Journey" e stato definito come "il più esplosivo World-Boogie dell’anno" e vede come guest anche Jimbo Mathus (ex Squirrel Nut Zippers). Con Afrissippi si entra in una dimensione musicale che abbraccia le vere radici della musica moderna ma nel tempo stesso si viene trascinati in un ritmo assolutamente incontenibile.

L.C. Ulmer -per la prima volta in Italia- 82 anni, da Hattiesburg/Mississippi, voce superba, brillante chitarrista, di una semplicità disarmante, è quello che si può definire una "scoperta" di quella fertile terra musicale che è il Mississippi. E’ stato un perfetto sconosciuto fino a due anni or sono, uno di quei personaggi che testimonia come il blues sia ancora vivo e vegeto come non mai. Il suo Blues è molto energetico, dirompente e caratterizzato dai suoi lunghi "solos" alla chitarra che riescono letteralmente a elettrizzare il pubblico presente.

Willie King -per la prima volta in Italia- Nato a Point/Mississippi nel 1943, in pochi anni dal suo esordio discografico datato 1999 è diventato uno dei "grandi" del Blues mondiale. Le sue canzoni di protesta sociale e politica (ha cominciato a scriverne fin dal 1970), che rappresentano comunque una delle essenze del blues, lo hanno reso una vera e propria leggenda nel sud degli States e in Alabama. Collabora spesso con l’associazione Alabama Blues Project. "Solo tramite la musica io posso parlare a più persone ed avere la loro attenzione" è una frase che Willie King ha voluto inserire nella sua autobiografia "Freedom Kreek". Non ama uscire dagli USA, per questo il concerto di Roccabianca è una occasione unica ed irripetibile per assistere dal vivo ad un grande spettacolo con un mitico bluesman e la sua band. CD pubblicati: Walkin’ the walk Talkin’ the talk (1999); Freedom Kreek (2000); I am the blues (2000); Living in the new world  (2002); Jukin’ at Bettie’s  (2004); One Love (2006).

"A tavola con il Blues - Rootsway Roots’n’Blues & Food Festival 2007" è promosso dalla Provincia di Parma con il sostegno della Fondazione Cariparma e il contributo e patrocinio della Regione Emilia-Romagna. Il Festival è ideato e organizzato dall’Associazione Roots & Blues di Parma in collaborazione con la Strada del Culatello di Zibello e i Comuni di Colorno, Polesine Parmense, Roccabianca, Sissa, Soragna e Zibello.

Per informazioni: cell. 339 3849219


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
https://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2019
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy