Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione e cultura Parmense su www.NelParmense.it

Basta Virus e Spam, servizio No Virus e No Spam offerto da www.NelParmense.com

Sri Lanka, aumenta la violenza degli scontri tra l’esercito e le Tigri Tamil

Nonostante le restrizioni imposte dalle autorità, le equipe di MSF continuano a portare assistenza medica e chirurgica alle popolazioni vittime del conflitto

Colombo / Roma, 22 gennaio 2008 - Nel nord dello Sri Lanka si registrano intensi combattimenti tra le forze armate governative e le Tigri Tamil (LTTE, Liberation Tigers of Tamil Eelam). Negli ultimi mesi si è verificato un aumento della violenza tra le due parti in conflitto. La situazione si è ulteriormente deteriorata il 2 gennaio 2008, quando il governo ha annunciato ufficialmente il ritiro unilaterale dal cessate il fuoco firmato coi ribelli nel 2002.

MSF è l’unica organizzazione non governativa internazionale presente a Point Pedro, a meno di 20 chilometri dalla linea del fronte, e offre cure mediche e chirurgiche per le popolazioni isolate della regione. Il conflitto isola la penisola di Jaffna dal resto dell’isola e le condizioni di vita per circa 450mila abitanti sono quelle di una zona militarizzata in guerra, con beni di prima necessità che scarseggiano e l’imposizione del coprifuoco. Inoltre, gli abitanti della penisola sono continuamente a rischio di rapimenti, esecuzioni sommarie, sparizioni e attacchi armati. In questo contesto, le equipe di MSF a Point Pedro lavorano in un ospedale che serve una popolazione di 113mila persone, dove hanno avviato attività mediche e chirurgiche, un’unità di emergenza e una di ginecologia / ostetricia. La presenza dei nostri medici specialisti significa che cure salvavita sono disponibili alla popolazione che vive a Point Pedro e dintorni. Nel solo mese di  novembre 2007, per esempio, ci sono stati 159 ammissioni di feriti, di cui solo il 17% sono stati trasferiti all’ospedale di riferimento a Jaffna. Inoltre, sono state effettuati 203 operazioni chirurgiche, 208 consultazioni ginecologiche e ostetriche e 87 parti.

Nella penisola di Jaffna, l’intera popolazione è colpita dalle restrizioni militari e la libera circolazione delle persone è pesantemente ostacolata da numerosi posti di blocco gestiti dalle forze armate. Ciononostante, gli operatori di MSF riescono a riferire i pazienti da Point Pedro all’ospedale di Jaffna, per quei casi che non possono essere curati localmente. Una volta ottenuta l’autorizzazione dai militari, le nostre ambulanze effettuano il trasferimento, anche durante il passaggio dei convogli militari e il coprifuoco imposto al resto delle popolazione tra le 7 del pomeriggio e le 5 del mattino. Tuttavia, prima di potere entrare nella penisola, da ora in avanti gli operatori internazionali di MSF dovranno attendere un’autorizzazione ufficiale dai vari ministeri. Le procedure potrebbero prendere fino a otto settimane. Queste restrizioni, recentemente imposte dalle autorità nazionali, ostacolano gravemente la nostra capacità di portare cure continue e di qualità alla popolazione di Point Pedro.

Oltre a Point Pedro, MSF continua a offrire assistenza medica e chirurgica a Vavuniya e a Mannar.
*******************************************************************************************************************
Medici Senza Frontiere è la più grande organizzazione medico-umanitaria al mondo, insignita nel 1999 del Premio Nobel per la Pace.
Opera in oltre 60 paesi portando assistenza alle vittime di guerre, catastrofi ed epidemie.
Per informazioni:
Andrea Pontiroli - Ufficio stampa di Medici Senza Frontiere - 06 4486921 – Cell: 335 8489761
andrea.pontiroli@rome.msf.org

 


 


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2018
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy