Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione e cultura Parmense su www.NelParmense.it


COMUNICATO STAMPA DI MEDICI SENZA FRONTIERE

Somalia, si aggrava la situazione degli sfollati in fuga da Mogadiscio ad Afgooye MSF chiede la mobilitazione delle organizzazioni umanitarie


Migliaia di famiglie stanno fuggendo da Mogadiscio dove violenze e bombardamenti continuano a colpire la popolazione civile. Medici Senza Frontiere (MSF) stima che quasi 4'900 famiglie siano giunte nella zona durante le ultime tre settimane.

Mogadiscio / Roma, 24 luglio 2007 Quattro mesi dopo l’inizio dell’attuale crisi provocata da una grave ondata di violenza a Mogadiscio, la maggior parte dei 400mila sfollati (398mila, secondo le Nazioni Unite) non sono ancora potuti tornare nelle loro case e continuano a dipendere dall’assistenza fornita dalle poche organizzazioni umanitarie presenti sul posto. La gran parte delle famiglie sfollate ha trovato rifugio a Afgooye e a Hawa Abdi, 30 chilometri a ovest di Mogadiscio, in condizioni di estrema precarietà, riparandosi sotto gli alberi o in edifici pubblici abbandonati. Gruppi locali hanno fatto del loro meglio per aiutare le famiglie in difficoltà fornendo loro un minimo di rifugio. Medici Senza Frontiere (MSF) ha lanciato un programma medico d’urgenza e di assistenza per rispondere ai grandi bisogni della popolazione.

“Nella zona non vengono effettuate distribuzioni di cibo in maniera regolare, solo poche organizzazioni sono presenti e forniscono aiuto alle famiglie sfollate”, afferma Feisal Abdulkadir, responsabile di MSF a Afgooye. “I prezzi alti dei beni di prima necessità disponibili al mercato e l’assenza di fonti di reddito stabili per le famiglie sfollate aumentano ulteriormente la loro vulnerabilità”.

Lo scorso giugno, MSF ha condotto un’inchiesta sanitaria nella zona dove gli sfollati si sono radunati. Ha preso in considerazione 393 famiglie e 641 bambini sono stati sottoposti a esami nutrizionali: i primi risultati indicano un tasso di malnutrizione globale del 21,5% e un tasso di malnutrizione severa acuta del 3%.

Tra le famiglie intervistate, “il 6% ha affermato di non avere mangiato nulla il giorno precedente”, afferma la dottoressa Monica Rull, che ha condotto l’inchiesta nutrizionale. “Oltre il 60% delle famiglie non ha fonti di reddito e il 93% ha già esaurito le scorte alimentari o le esaurirà presto”.

Durante gli ultimi due mesi, l’attenzione dei media internazionali si è raramente concentrata su quanto accadeva a Mogadiscio e nelle aree circostanti, dove decine di migliaia di persone continuano ad aspettare disperatamente aiuto dalla comunità internazionale.

Medici Senza Frontiere lancia un appello affinché un’immediata mobilitazione da parte delle organizzazioni umanitarie risponda al rapido deteriorarsi della situazione.

Medici Senza Frontiere lavora in Somalia centrale e meridionale da oltre 16 anni, e fornisce attualmente cure mediche in dieci regioni: Bakool, Banadir, Bay, Galgadud, Hiraan, Lower Juba, Middle Juba, Mudug, Middle Shabelle e Lower Shabelle. 60 operatori internazionali e oltre 800 operatori somali di Medici Senza Frontiere lavorano in Somalia. Nel 2006 MSF ha effettuato più di  300mila visite mediche ambulatoriali, e ha ricoverate 10mila pazienti in ospedale.

Per informazioni:
Andrea Pontiroli - Ufficio stampa di Medici Senza Frontiere - 06 4486921 – Cell: 335 8489761 andrea.pontiroli@rome.msf.org 


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2018
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy