Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione e cultura Parmense su www.NelParmense.it

Medici senza frontiere

Inondazioni in Bangladesh: MSF interviene per arginare il rischio colera

17 agosto 2007_La capitale del Bangladesh, Dhaka è stata duramente colpita dalle alluvioni delle ultime settimane. Ampie aree della città sono state inondate, la situazione igienica generale è deteriorata e l’accesso all’acqua potabile è diventato difficoltoso. Come conseguenza di tutto ciò a Dhaka è aumentato il numero di persone affette da diarrea, con l’emergere di molti casi di colera.

La capitale del Bangladesh ospita il Centro internazionale per la ricerca sulle malattie diarroiche (International Centre for Diarrhoea Diseases Research, Bangladesh -ICDDR,B): si tratta di un centro rinomato a livello internazionale per il trattamento dei casi di diarrea grave e colera. Il centro ha richiesto un supporto per poter offrire soccorso a tutti coloro che ne hanno bisogno, visto che l’elevato livello dell’acqua ha reso particolarmente difficili gli spostamenti nella città.

In condizioni normali in questo periodo dell’anno il ICDDR,B ricovera circa 200 persone al giorno affette da forme gravi di diarrea, ma dopo le inondazioni nella sola giornata di venerdì 10 agosto ci sono stati più di mille ricoveri, il 30% dei quali sono stati confermati come casi di colera. La scorsa settimana le ammissioni hanno oscillato tra gli 800 e i mille casi al giorno.    

Dopo negoziazioni con le autorità locali, MSF ha aperto un centro di assistenza per le persone affette da diarrea grave o colera nell’area sud-orientale della città con l’intento di assicurare servizi decentralizzati e di raggiungere un maggior numero di persone. I posti disponibili sono inizialmente 100 ma potranno crescere fino al doppio. Vista la densità di popolazione della città (circa 15milioni di abitanti) e i rischi legati al ritirarsi delle acque ci si può aspettare un’impennata di casi nelle prossime settimane, nonostante il livello di consapevolezza della popolazione circa i rischi e le misure di prevenzione sia migliorato negli ultimi anni.

MSF potrebbe dunque aprire in tempi rapidi anche un altro centro in un’altra area della città.

MSF - la più grande organizzazione medico umanitaria, Premio Nobel per la Pace - lavora in Bangladesh dal 1985. Al momento i progetti sono concentrati nella Regione Teknaf dove offre soccorso ai rifugiati Rohingya provenienti dal Myanmar.

---------------------------------------------------------------------
www.medicisenzafrontiere.it 


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2018
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy