Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione e cultura Parmense su www.NelParmense.it

Fontanellato:  MAGNANOTTE, una notte da mangiare
Sabato 12 maggio 2007

FONTANELLATO (Parma) - Per chi ama viaggiare, per chi ama mangiare. Potete farla a tappe, mappa forchetta e bicchiere alla mano, da soli, in compagnia e con i bambini al seguito: sabato 12 maggio dalle 21 alle 24 di notte a Fontanellato (15 km da Parma) debutta la prima edizione della kermesse enogastronomica "MagnaNotte. Una notte da mangiare", una passeggiata serale e notturna nel centro storico della corte rinascimentale della bassa parmense per l'occasione illuminata da fiaccole e torce, abbinata a degustazioni di prodotti tipici di ben 8 Cittaslow dell'Emilia Romagna, ovvero le città del buon vivere e della buona tavola che aderiscono al marchio Slow (Fontanellato, Zibello, Pellegrino Parmense, Borgotaro, Castelnuovo ne' Monti, Castel San Pietro Terme, Brisighella e Santa Sofia).  

Come funziona la “MagnaNotte. Una notte da mangiare”? I turisti (prenotandosi ai numeri 0521-823237 ufficio Mercati / 0521-823220 Ufficio Turistico del Comune Fontanellato, oppure recandosi direttamente allo sportello informativo Magna Notte il 12 maggio dalle 19 alle 21 davanti alla Rocca) si iscrivono alla “MagnaNotte. Una notte da mangiare”.

Arrivati a Fontanellato (previsti ampi parcheggi per pullman, motocicli e automobili: parcheggio Tav, parcheggio di via Togliatti-via Santi, parcheggio di viale Roma e parcheggio di viale Vezzosi. È disponibile un'area di sosta appositamente attrezzata per camper in via Caduti di Cefalonia, a 500 metri dal centro storico) gli interessati devono recarsi all'ingresso della Rocca Sanvitale.

Qui ritireranno la scheda di partecipazione, corredata da 1 mappa del paese, 1 descrizione dei monumenti da visitare a ingresso libero, 1 cartina con tutti gli stand delle degustazioni caratterizzati da tavolini a sedere. Riceveranno anche 1 kit con piatto, posate, tovagliolo, bicchiere e flute. A quel punto costruiranno il loro menù scegliendo da quali piatti tipici iniziare gli assaggi. Ogni monumento del tour da fare a piedi è abbinato ad alcuni cibi e vini caratteristici. Al termine del percorso di 5 tappe il gusto della gola, assicuriamo, sarà soddisfatto e gli occhi si saranno ritemprati complice lo scenario suggestivo della Rocca Sanvitale con il fossato colmo d'acqua, i portici suggestivi del borgo, i piccoli parchi in fiore.

 

Quali sono i monumenti, i piatti tipici e i vini proposti alla  “MagnaNotte. Una notte da mangiare”?

 

1. Al Teatro Sanvitale (annoverato tra i teatri storici dell'Emilia Romagna, datato al 1800) sono abbinati: Zibello con il Culatello, la Mariola e il Pane Miseria, ovvero le grandi micche gustose; Castelnuovo ne' Monti con l'Erbazzone, il Parmigiano Reggiano di Montagna e il vino "Concerto" di Ermete Medici; Santa Sofia con raviggiolo, miele e salsiccia matta.

 

2. Alla Corte La Gazzera (al centro spicca la fontana del Leone in terracotta di fine Ottocento) ci sarà Fontanellato con il Parmigiano Reggiano del produttore di qualità Baratta; Brisighella presenta verdure fresche in pinzimonio con olio extravergine di oliva, miele (millefiori, castagno, acacia), confetture e marmellate. Il tutto innaffiato da calici di vino Pingoletto di Castel S. Pietro Terme.

 

3. Davanti alla Chiesa di San Gaetano detta Oratorio dell’Assunta (costruita nel 1572, rifatta nel 1720, decorata da Antonio Bresciani nel 1790. Si consiglia la visita alla splendida sagrestia lignea capolavoro del barocchetto parmense, 1720).

In questo meraviglioso scenario farà da padrona la Culaccia di Fontanellato, la gilda degli insaccati, insieme allo Strolghino e alla Cicciolata, il tutto accompagnato dal pane di grani antichi di Pellegrino Parmense e dalla Malvasia secca dei colli di Parma.

 

4. Il gioiello più prezioso della Rocca di Fontanellato è costituito dalla "Saletta di Diana e Atteone", affrescata nel 1524 da Francesco Mazzola detto il Parmigianino, uno dei maggiori maestri del Manierismo italiano (sarà possibile effettuare una visita guidata).

Sotto lo sguardo attento delle anime dei Conti Sanvitale sarà possibile concludere in dolcezza la “Magnanotte”: Fontanellato presenta i “Sapori di Fontanellato: le torte di Mariolina” insieme al famoso gelato all’azoto liquido “Il gelato del Professore”, Castel San Pietro Terme propone i classici Savoiardi, Borgotaro fa innamorare tutti con i dolcissimi Amor. Il tutto accompagnato da degustazioni di Liquore Sassolino.

 

5. Davanti al Santuario della Beata Vergine del Rosario (Congregazione dei Padri Domenicani, facciata neo-barocca. All'interno, collezione di bellissimi paliotti lignei. Sulle pareti intorno al Ciborio, che ospita la statua lignea della Madonna del rosario (1615), spiccano una serie di ex-voto, dalla fine del XVII secolo ai giorni nostri), la gastronomia di qualità fontanellatese, offre nuove prelibatezze del paese che ospita la kermesse del gusto: con Spalla Cotta e Torta Fritta accompagnate da vino Fortana.

 

Il costo di “MagnaNotte…una notte da mangiare” è di 25 euro a persona (è compreso il flute che potrà essere portato a casa a ricordo della serata). I bambini fino a 10 anni d'età non pagano.

 

La  “MagnaNotte…una notte da mangiare” è organizzata da Comune di Fontanellato, Assessorati al Commercio e al Turismo, Circuito Cittaslow in collaborazione con associazione Inotio di Parma.

 

 

INFO E PRENOTAZIONI:

Chi vuole partecipare alla manifestazione (prenotazione obbligatoria) deve chiamare:

Ufficio Turistico di Fontanellato 0521.823220 E.mail:r.rodolfi@comune.fontanellato.pr.it

Sportello informativo Magnanotte, all’interno della Rocca, aperto il 12 maggio dalle ore 19 alle 21.


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2018
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy