Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione Parmense su www.NelParmense.it


Circolo A.R.C.I. Joe’s - Via Milani 11  43036 Fidenza (PR)

GIOVEDI 9 MARZO ore 22 

 Pecksniff...in concerto acustico

 

 

Bio Disco Gallery Info Press Press

 

 

 

I Pecksniff nascono come trio, a Colorno nella bassa provincia di Parma, nel 1998 e dopo una serie di vicissitudini, cassette casalinghe ed un cd autoprodotto, l’omonimo Pecksniff, nel 2001, arrivano all’attuale suono e formazione a sei. Ispirati tanto dall’indie-pop quanto dal lo-fi di matrice statunitense (specialmente negli episodi più sghembi e dimessi dei primi Pavement), con il loro ultimo album Elementary Watson (registrato e mixato da Amerigo Verardi) edito per la loro etichetta Merendina nel gennaio 2003 i Pecksniff sono stati capaci di inanellare una brillante sequenza di 10 brani sospesi tra folk-pop e lo-fi a tinte agrodolci che direttamente riportano ai giochi e all’emozioni dell’infanzia, vuoi per l’utilizzo, a fianco dei tradizionali chitarra acustica, elettrica, basso e batteria ultraminimale, di tutta una serie di strumenti giocattolo, vuoi per l’incedere delle voci, perfettamente combinate per dar vita ad un paesaggio sonoro in technicolor. All’album sono seguiti oltre una trentina di concerti promozionali in tutto il nord e centro Italia, nei quali si svela sempre di più l’animo gioioso della band. Nel 2004 i Pecksniff, oltre a partecipare a svariate compilation, - quella on-line di Ouzel Records (con Morose, Lo-fi sucks!, Milaus, Onq, The Fog in The Shell, Kech… ), Playing the indie game di Suiteside Records (con ancora Lo-fi sucks! e Morose, Brave Captain, John.Waine.Shot.Me …) e della webzine Movimenta - hanno un cantiere un nuovo album previsto per ora a settembre e registrato questa volta da Maurice Andiloro (Breakfast) al quale hanno partecipato diversi amici incontrati lungo la strada.

sito :

www.pecksniff.it


VENERDI 10 MARZO ore 22 

ARCI JOE's DJ SET by Cacio
 

SABATO 11 MARZO ore 22

...Albert Ray in una specialissima session acustica con
Glenn Alessi alla fisarmonica
Rock'n'roll, Memphis sound e Texas Blues sono gli ingredienti di cui si è servito Albert Ray, da Reggio Emilia, per creare il suo inimitabile "Sound" sulla base della migliore tradizione Americana. Da oltre quindici anni ormai sui palchi più rinomati del panorama nazionale e non, comincia con una band chiamata "The Thunders" nel 1989, per poi fondare nel 1992 la "Travelin' Band" con la quale realizza il CD "Texas Sky" (Asbury Park 1999).
Durante gli anni tante le collaborazioni, fra cui quella con Oracle King nel CD "Forget the guitar" e quella con l'amico Andy Carrieri (ex Jack Daniel's Lover, ex Dirty Hands) e il fisarmonicista Glenn Alessi nel progetto "LosSuperBandidos".
Dal gennaio 2001 parte con questo progetto solista e c'è subito un'ottimo CD "Wild and Innocent" molto apprezzato e considerato dalla critica nazionale. Per la regia di Roberto Gallosti, viene prodotto dalla Digital time di Reggio E., il video-clip dal singolo estratto "Wild and innocent revisited", che partecipa al concorso VIDEO FRECCIA 2002.
Nel 2003 suona in Texas ad Austin, al Joe Generic's e al 311Club, due noti locali sulla sesta strada, e, la notte di Natale dello stesso anno, la famosa Dj Miss Holley King trasmette il suo cd "Wild and innocent" sulla KBSZ Radio di Wickenburg, Arizona.
Nel 2004 esce l'ultimo CD “King of Fire”, prodotto dalla 8Ball Records di Reggio Emilia. Per questo lavoro si è avvalso anche dell’armonica di Banzaii La Rocca da Austin, Texas (armonicista di Omar and the Howlers, Tony Redman e John Vc.Vey, che tra le collaborazioni in studio vanta anche quella con Eric Johnson). Il CD riporta Albert sulle pagine del Magazine "Chitarre", con una coinvolgente recensione di Alessandro Staiti (la recensione è disponibile sul sito alla pagina Rassegna Stampa) e consolida la già fiorente attività live in Clubs, rassegne musicali ed eventi. Grazie all'uscita di "King of fire", nel settembre 2004, Albert conosce il regista Newyorkese Sascha Paladino (fratello del noto Banjoista Bela Fleck) e diventa, con brani e immagini catturate ad un concerto dal regista stesso, uno dei protagonisti del cortometraggio girato a Reggio Emilia dal titolo "Party for the people" che parteciperà al concorso cinematografico "Woodstock 2005" a New York.
 
www.albert-ray.com


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2018
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy