Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione Parmense su www.NelParmense.it


Circolo A.R.C.I. Joe’s - Via Milani 11  43036 Fidenza (PR)

GIOVEDÌ 28 APRILE 2005 ore 22

STEFANO GIACCONE

in concerto

Stefano Giaccone è nato a Los Angeles [USA] nel 1959. Nel 1966 si trasferisce a Torino. Dall'estate del 1998 è vissuto in Gran Bretagna (a Londra in un primo tempo, poi in Galles ) ed ora è rientrato in Italia. Autodidatta, suona il sax, la chitarra e canta. Ha iniziato a suonare nel 1973, seguendo numerosi e differenti generi musicali: folk-rock e jazz, punk e avant-garde rock; sia in gruppo sia come solo-act, si è esibito in centinaia di spettacoli in Italia e in molti paesi europei [Germania, Svizzera, Spagna, Norvegia, Francia, Danimarca, Gran Bretagna...].
La sua carriera musicale si è sviluppata all'interno della scena indipendente e underground, ma non di meno è stata recensita e apprezzata da tutta la critica musicale; è stato considerato un influente song-writer fin dal suo ruolo centrale nella scena italiana come fondatore dei Franti, dell'etichetta Blu Bus e per il lavoro triennale con i Kina, una delle punk band italiane più note, oltre alle esperienze con Orsi Lucille ed Environs.

In collaborazione con Lalli, la cantante dei Franti, ha dato vita a numerosi progetti come Ishi e Howth Caste: questi ultimi hanno aperto per i Sonic Youth a Milano nell'estate del 1998 [da qui la grande passione di Thurston Moore per il nostro] e hanno suonato con i Judas2, formazione di ex-Crass; il loro secondo album è stato pubblicato in vinile in USA e il terzo è in uscita.
Nel 1995, in duo con il pianista Claudio Villiot, Stefano Giaccone ha presentato in tour e pubblicato il jazz-reading "Corpi Sparsi". Questo gli ha dato l'opportunità di lavorare per due anni in "Addio papà respiro", spettacolo del Teatro Elfo di Milano, dedicato allo scomparso Allen Ginsberg, poeta della Beat Generation.
 


"Nel cuore della bestia" è il titolo del libro scritto a quattro mani con Marco Pandin nel 1996 per le Edizioni Zero in Condotta di Milano. E' un testo fondamentale per capire, come recita il sottotitolo, le storie personali nel mondo della musica bastarda: "Il mondo dell'autoproduzione musicale degli anni Ottanta era ricco di così tante idee, di così innumerevoli e mutevoli sfaccettature e, soprattutto, si poneva così polemicamente e violentemente in rottura con la società e le forme d'espressione culturali ad essa contemporanee da risultare un fenomeno sfuggente, ostico a classificazioni ed interpretazioni anche a chi lo ha in qualche modo vissuto".

Stefano ha pubblicato da poco "Una canzone senza finale", dedicato ai cantautori italiani, insieme al musicista e arrangiatore Mario Congiu [BamdaManera, Lalli] col quale aveva già lavorato per l'album "Come fiori in mare", tributo a Luigi Tenco. E' stato pubblicato anche un tributo, curato da Marco Pandin, a Fabrizio DeAndrè, che conterrà un brano di Gatto Ciliegia Contro Il Grande Freddo con Stefano Giaccone alla voce.
La sua collaborazione con Dylan Fowler ha dato vita a un nuovo work-in-progress, un reading musicale, "Portraits", basato sull'opera di Edwin Muir e Cesare Pavese. "Portraits" è stato eseguito al Festival Pavia-Performance-Poesia e al Festival di Letteratura organizzato da Peter Florence, in Hay-on-Wye [Herefordshire].


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2018
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy