Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione Parmense su www.NelParmense.it


Circolo A.R.C.I. Joe’s - Via Milani 11  43036 Fidenza (PR)

SABATO 26 MARZO ORE 22

EDOARDO CEREA
supporter Andrea Mantero

Più volte in questa rubrica ci siamo interrogati su un possibile sbocco "americano" per la nostra canzone d'autore: non nel senso di una sterile imitazione di modelli e linguaggi altri dalla tradizione italiana, ma di una ricerca profonda sul suono e sugli arrangiamenti, che potesse unire atmosfere, chitarre, intuizioni tipiche del rock'n'roll con l'espressione italiana. Lungi da me affermare che non si siano già raggiunti in questi anni ottimi risultati (basterebbe l'intero catalogo di Massimo Bubola a dimostrarlo), ma bisogna ammettere che tra le nuove leve l'esordio di Edoardo Cerea è una autentica sorpresa, un disco di grande spessore, non solo dal punto di vista lirico, ma anche e forse soprattutto per via di un suono elettrico che rimanda direttamente ai tanti eroi americani che popolano le nostre discografie. L'alchimia un poco magica che risiede dietro Come Se Fosse Normale nasce dall'incontro di Edoardo, musicista piacentino di estrazione rock e blues con diverse esperienze in gruppi locali, con la penna di Marco Peroni, scrittore, qui autore di tutti i testi, entrambi uniti da passioni musicali comuni. 

La produzione, le chitarre e il piano di Mario Congiu hanno idealmente chiuso il cerchio, mettendo sul piatto un sound vivido, chitarristico, pulsante, che incentra buona parte del disco su ballate classicamente rock, con immancabili cenni springsteeniani, persino qualche tocco roots che rimanda a John Mellencamp (il mandolino di Davide Cignatta in Tre Accordi), stridori e feedback che marchiano i brani di Cerea e Peroni di una precisa impronta urbana (la cruda Non Era Così potrebbe essere un pezzo di Matthew Ryan). Sono solo impressioni e spicci accostamenti, perchè va ribadito che la forza trainante di Come Se Fosse Normale è proprio la sua unicità, il suo richiamare e non "scopiazzare" idee: dal rock tuonante di Solo Nell'aria e Il Mio Giocattolino alle fattezze pop di Rumore, dalla tensione di Quasi Giorno (in cui risalta l'ottima voce di Cerea) agli episodi squisitamente più cantautorali e malinconici come Sono anche Un Altro, Come Hai Fatto Presto e la pianistica Senza Sicura (con un piccola sezione archi e la suggestiva tromba di Giorgio Li Calzi). Musica e parole viaggiano davvero con una sintonia rara da riscontrare nei giovani autori italiani: i testi di Peroni sono al tempo stesso semplici e molto introspettivi, riassunti infine in una delle copertine più suggestive e simpatiche che mi sia capitato di vedere di recente.Il disco è rintacciabile direttamente sul sito di seguito segnalato e sarà in distribuzione nazionale a partire da settembre(Fabio Cerbone) 

 


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2018
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy