Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione Parmense su www.NelParmense.it

 


Circolo A.R.C.I. Joe’s - Via Milani 11 
  43036 Fidenza (PR)

MERCOLEDI  11  FEBBRAIO 2004 ORE 21.30

GIALLO IN MUSICA

PIERO COLAPRICO

e le musiche di Seba Pezzani

alle ore 18 presentazione del libro 'L'estate del Mundial' alla Libreria Mondadori di Fidenza in via Berenini

Piero Colaprico
Piero Colaprico è nato nel 1957 a Putignano (Bari) e vive a Milano dal '76. Da vent'anni giornalista della Repubblica, in cui cominciò a lavorare come cronista di nera, dall'89 inviato speciale, è anche autore di alcuni saggi, come Capire tangentopoli (1996), di numerosi racconti e di due noir di successo, Sequestro alla milanese (1992) e Kriminalbar (1999).

Piero Colaprico
L'estate del Mundial

Il 17 giugno 1982 è un brutto giorno per Pietro Binda, onesto e coriaceo maresciallo della sezione Omicidi, prossimo alla pensione per raggiunti limiti d’età. Mentre è in caserma a sistemare le sue carte, da un ufficio all’altro corre la notizia della morte di un collega, caduto in un agguato di mafia a Palermo. Qualche ora dopo un’altra notizia sconvolgente: nel cortile del Banco Ambrosiano viene scoperto il corpo della segretaria di Roberto Calvi, da un paio di giorni scomparso da Milano. E poi una telefonata del Loris, l’amico anarchico di Binda, in crisi e col magone: è stata uccisa sulle scale di casa la sua amica Lavinia, quella che faceva la soubrette, e lui è tra i sospettati, perché avevano trascorso la serata insieme.
E così Pietro Binda si ritrova tra le mani due indagini: quella ufficiale, riservatissima, assegnatagli dal generale Casiraghi, che scatta quando da Londra arriva la comunicazione che il "banchiere di Dio" è morto impiccato sotto il ponte dei Frati Neri; e quella ufficiosa, a fianco di Loris, per scoprire chi ha voluto Lavinia Marbella cadavere. Nella rovente estate milanese, mentre cresce l’entusiasmo per l’impresa dell’Italia ai Mondiali di calcio in Spagna, il maresciallo entra in due mondi che gli erano sconosciuti, quello del denaro e quello del varietà: mondi che possono essere entrambi molto ostili, letali.

Con un’indagine che riporta in vita la Milano degli anni ottanta, le sue vie, i suoi quartieri, e insieme un pezzo drammatico di storia italiana, L’estate del Mundial vuole anche rendere omaggio al mondo milanese del varietà e all’anarchico Pietro Valpreda – scomparso prima di poter scrivere questo quarto romanzo insieme a Piero Colaprico – che nel dopoguerra frequentò a lungo, come ballerino (il suo nome d’arte era Pietro Hènnes), i palcoscenici dell’avanspettacolo.

"In un giorno in cui mi sveglio con il mal di testa e sono triste perché un collega è stato ammazzato dalla mafia, vengo a sapere che una soubrette è stata uccisa sulle scale di casa e i poliziotti hanno beccato il mio amico Loris. Questi erano i fatti, all’inizio, così come mi si sono presentati. E io faticavo a entrare in partita, come l’Italia ai Mondiali di Spagna."


 

 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2017
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy