Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione Parmense su www.NelParmense.it

FESTIVAL LILLIPUT Comunicato stampa 
Al Festival Lilliput a Fidenza si riflette su un altro mondo possibile
Dodici giorni (31 agosto-11 settembre) di confronto sui temi caldi
Tra gli ospiti Romano Prodi e Massimo D’Alema

Pace, immigrazione, giustizia, informazione: dal 31 agosto all’11 settembre a Fidenza (Parma) si riflette sul mondo presente e si discute di un altro mondo possibile. Il Festival di Lilliput affronterà infatti i temi più attuali della nostra epoca attraverso convegni e seminari, presentazione di libri, mostre, spettacoli musicali e teatrali, con ospiti significativi e illustri.

Giunta alla quinta edizione, la manifestazione organizzata da Rete Lilliput in collaborazione con Comune di Fidenza e Coop Consumatori Nordest, presenta un programma sempre più ricco scaricabile da www.lilliputfestival.org. 

Una variopinta proposta di cultura alternativa con ospiti di livello nazionale che trasformerà la cittadina emiliana in una fucina del pensiero critico, dove ascoltare dibattiti e intervenire, partecipare a concerti, presentazioni di libri o spettacoli teatrali. Tra i numerosissimi ospiti spiccano i nomi dei politici Romano Prodi, (venerdì 2, al Palasport), Massimo D’Alema (venerdì 9 in piazza Garibaldi), Nichi Vendola (venerdì 2 in piazza Duomo) e poi i magistrati Armando Spataro e Gherardo Colombo (martedì 6), i giornalisti Giovanna Botteri ed Ennio Remondino (venerdì 9), Maso Notarianni e Riccardo Bonacina (sabato 10). Non mancano figure di primo piano di un altro mondo possibile: Francesco Gesualdi (giovedì 8), Paul Ginsborg (sabato 10), Walter Ganapini, Roberto Della Seta (domenica 4). A chiudere, domenica 11 settembre, il pranzo di Libera con Lella Costa e Nando Dalla Chiesa. Lunedì 5, Rete Lilliput incontra Beppe Grillo. Il cartellone degli spettacoli vede, tra gli altri, Alberto Patrucco, i Mercanti di liquore e un concerto con Davide Van De Sfross, Andrea Mirò e tanti altri presentato da Filippo Solibello e Massimo Cirri di Caterpillar. 


Il programma del Festival si presenta davvero ricco, con almeno tre iniziative ogni giorno. I dibattiti, tutti ad ingresso gratuito, si svolgeranno, tranne alcune eccezioni, in piazza Garibaldi, in una tensostruttura capace di 400 posti, mentre al Teatro Magnani andranno in scena concerti e spettacoli. 
Tra gli altri eventi da segnalare, domenica 4 al Centro Convegni Interparrocchiale S.Michele, la partita di calcetto tra, due nazionali di paesi reali ma “inesistenti”: Kurdistan e Saharawi. Da non perdere, inoltre, l’incontro con Beppe Grillo, lunedì 5 alle 16 in Piazza Garibaldi.
Nei dibattiti si parlerà di Ambiente (domenica 4, ore 17), Pace (lunedì 5, ore 21) Costituzione (martedì 6, ore 21) Economia (“Per qualche punto di P.I.L. Più consumi e profitti o più diritti e benessere sociale come obiettivo dello sviluppo”, mercoledì 7, ore 21), Lavoro (“Il futuro del lavoro, dei diritti e dello stato sociale”, giovedì 8, ore 21) Informazione (“Informazione& guerra - Giornalismo di guerra, tra censure, bugie ed omissioni, venerdì 9, ore 21 – Alla ricerca dell’informazione perduta, sabato 10, ore 18), Mafia (“Contro la mafia a mani nude. il coraggio di sfidare l’illegalità con il sudore della fronte”, domenica 11 alle ore 17.30).

Piazza Duomo ospiterà seminari e presentazioni di libri con scrittori, studiosi e giornalisti, che tratteranno nuovamente di guerra, ma anche dei popoli della Terra, e di letteratura. Tra gli ospiti, Lidia Ravera (venerdì 2) e Paul Ginsborg (sabato 10). 

Per gli appuntamenti musicali, domenica 4 settembre al Teatro Magnani concerto di Davide Van De Sfroos, Jimmy Villotti, Andrea Mirò, Nanni Svampa, Andrea Parodi e altri, con la conduzione della serata di Filippo Solibello e Massimo Cirri; sabato 10 settembre i Mercanti di liquore.
Spettacoli invece con Raimondo Brandi (sabato 3) e Alberto Patrucco (domenica 11). 

Da non perdere, domenica 11 alle 13 in Piazza Garibaldi, l’ormai tradizionale appuntamento con il pranzo di Libera - Associazioni, nomi e numeri contro le mafie – cui prenderanno parte Lella Costa, Nando Dalla Chiesa e Maurizio De Luca. 

Il Festival di Lilliput si espande inoltre nel territorio parmense con diverse sezioni: Soragna ospita dal 12 al 14 settembre il Lilliput Film Festival, in collaborazione con il Circolo cinematografico La Notte Americana e con l’Associazione E-Xedison/Cineclub Edison e Associazione Fidenza Cultura. In programma nelle tre giornate diversi speciali dedicati a Silvano Agosti, al Sudamerica e ad Oliver Stone. Fontanellato il 16 e il 17 settembre ospiterà gli eventi del Lilliput Teatro Festival in collaborazione con Insieme a Casalbarbato per Chernobyl, proponendo due spettacoli teatrali nel cortile della Rocca. Sempre a Fontanellato, in collaborazione con Insieme a Casalbarbato per Chernobyl, dall’11 al 17 settembre sarà allestita la mostra “26 aprile”. Polesine Parmense ospiterà il Lilliput Rock Festival, con un concerto rock il 17 settembre. A Salsomaggiore il Festival di Lilliput, in collaborazione con Rete Civica Salsese, propone un dibattito sulla questione femminile che si svolgerà il 15 settembre al Centro Sociale Ricreativo Anziani. 

“Il Festival - spiegano gli organizzatori - nasce dalla presenza sul territorio di un ricchissimo tessuto di associazioni di volontariato votate alla collaborazione, dalla consapevolezza di ambientalisti, pacifisti, operatori del sociale e pionieri di una diversa economia di impegnarsi tutti per una società diversa, più giusta, solidale e tollerante”. 
“Un mondo diverso è possibile - proseguono - non è uno slogan, ma l’obiettivo comune di tante eterogenee speranze. Da qui prende vita un grande evento culturale, che rappresenta il coronamento di tante discussioni e progetti, caratterizzato dalla molteplicità dei temi affrontati ed il cui filo conduttore è la visione terzomondialista del futuro. I “grandi nomi” non sono difficili da coinvolgere se credono nel progetto che gli viene presentato e sono assolutamente necessari se si vuole fare informazione ad un pubblico diverso e più ampio. La soddisfazione è sì quella di trovare le sale piene, il teatro stracolmo, ma anche quella di scoprire che un pubblico sempre più numeroso segue il festival, lo richiede a gran voce, e, fuori dalle settimane dell’evento, conserva la capacità di guardare criticamente all’informazione-spettacolo della società dei consumi illimitati e dello sviluppo ad ogni costo. Risultato: per tre settimane a Fidenza e dintorni un intero territorio è coinvolto in un’unica, grande e varia proposta di cultura alternativa”. 

Inoltre Lilliput Cinema festival a Soragna (12-14 settembre), Lilliput Teatro festival a Fontanellato (15-16 settembre), Lilliput rock festival a Polesine (17 settembre). 
Tutto il programma su www.lilliputfestival.org 


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2017
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy