Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'Informazione e Cultura Parmense su www.NelParmense.it

1955                                                 2005

Comitato per le celebrazioni del 50 anniversario della morte del poeta dialettale Alfredo Zerbini

Domenica 25 settembre 2005 ore 21,00

Chiesa di Santa Maria del Quartiere, Piazzale Picelli

Lassociazione "Amici di Piazzale Picelli via Imbriani"

PRESENTA

"LA CONGIRA DI FEVDATRI"

di ALFREDO ZERBINI

4 parti di 20 sonetti ognuna in dialetto Parmigiano

lettura a pi voci degli attori dialettali:

PEPPINO SPAGGIARI, LUIGI FRIGERI,
 ENRICO MALETTI.

PRESENTAZIONE DI

ANNA BERTA CECI

Regia di

ENRICO MALETTI

 

BREVI CENNI STORICI:

Alfredo Zerbini nato a Parma il 9 gennaio 1895 nellormai scomparso borgo dei Minelli, in quelloltretorrente ricco di storia della vecchia Parma che lo vide poeta dialettale dei propri borghi. Autore di note poesie in dialetto Parmigiano come "La Gssa", "La scoperta d janoln", "I mudant", "I dnt", "La nona a lospedaln" e tante altre. Il padre faceva il fornaio e fin da giovane Alfredo si avvi al mestiere paterno. Durante il servizio militare nella prima guerra mondiale 1915/1918, fu mandato in Calabria dove venne ferito a una gamba e a causa di questa invalidit port per tutta la vita con se i segni lasciati dal conflitto.

Finita la guerra lavor come impiegato alla biblioteca di Torino, poi alla Marciana di Venezia, quindi alla Palatina di Parma. Si stabil nella nostra citt dove mor il 29 novembre 1955 dopo un lungo periodo di malattia.

"LA CONGIURA DI FEVDATRI"

Questo capolavoro in dialetto Parmigiano fu scritto dal poeta Alfredo Zerbini nel 1947.

L argomento la congiura del 1611-1612 ordita dai feudatari Parmensi contro Ranuccio I Farnese quarto Duca di Parma. La congiura fu capeggiata da Barbara Sanseverino Sanvitale, contessa di Sala e marchesa di Colorno, una delle pi belle, colte, vivaci gentildonne del suo tempo, ispiratrice di illustri poeti, fra i quali Torquato Tasso che ne cant il brio e lavvenenza in diversi e appassionati sonetti.

Scoperta la congiura, il Duca condann alla pena capitale Barbara Sanseverino e tutti gli altri feudatari compromessi. La sentenza venne eseguita in Piazza Grande (ora Garibaldi) un sabato mattina, presente una enorme folla di popolo.

Su quelloscuro e tragico episodio della storia di Parma Farnesiana, sembra risultare non si trattasse di una vera e propria congiura. Ranuccio Farnese, tenace, inflessibile continuatore della tradizionale politica della sua famiglia, mirante soprattutto a debellare i potenti feudatari Parmensi e ad impossessarsi dei loro immensi beni, ingigant ad arte la reale consistenza di quel complotto, con quella sentenza di morte, riusc a segnare il crollo della feudale casata nello stato farnesiano.

Pi che un opera storica, rigorosamente documentata, Zerbini riusc a creare un opera darte e di poesia dialettale Parmigiana. Il "poemetto storico-narrativo" diviso in quattro parti di venti sonetti ognuna: I Fevdatri, La Congira, Al Procss, La Gran Giustssja, il volume quando fu pubblicato ottenne grande successo e unanimi consensi.

Francesco Squarcia, scrittore, critico e letterato, allora scrisse:

"La prima cosa che mi ha colpito il fatto che il poemetto non soltanto il primo esempio del genere storico-narrativo; ma segna anche un interessante tentativo di uscire da certe tenerezze dellidillio piccolo-borghese, che ha si, creato anche delle cose graziose nella nostra poesia dialettale, ma ormai troppo scontato, oltre qualcosa di pi che limpeto popolaresco che il gusto narratico del complesso; cio un tratto che incide pi a fondo e rivela un estro sicuro, una visione e una meditazione che sono ben proprie dello Zerbini".

Nel 1951 Ildebrando Pizzetti music tre sonetti della Congiura, quelli riguardanti Barbara Sansevrino condotta al supplizio.

Con questa serata abbiamo voluto ricordare, nel cinquantesimo anniversario della morte, Alfredo Zerbini uno dei pi grandi poeti dialettali parmigiani del secolo scorso.

 

SOCUNT SIGGN STRICH:

Alfredo Zerbini l nas a Prma al 9 znr 1895 in-t-lormi spar brog di Minl, in-t-al cuartr dedl dal cua con tnta strja dla Prma vcia ch al lha vsst pota djaletl di prpri brogh. Avtr dl p bli poezij in djaltt Pramzn cme "La Gssa", "La scoperta d janoln", "I mudant", "I dnt", "La nona a lospedaln" e tant tri . Al pdor al fva al fornr e fin da givvon, Frdo al sra vi al mestr dal pdor. Durnt al sarvssi militr, in-t-la prmma gura mondila 1915/1918, in Calabria l st fr in-t-na gmba.

A czva d chlinvalidit ch par tutt la vtta al s port adr i sggn lass dala gura.

Fn la gura l st impjegh ala bibjotca d Torn, dpa ala Marciana d Vensja, in sguit al s stabil ala Palatnna d Prma. L mrt al 29 novmbor dal 1955 dp un lngh perod d malata.

"LA CONGIRA DI FEVDATRI"

Coll caplavr ch in djaltt Pramzn l st scrtt dal pota Alfredo Zerbini in-t-al 1947.

Lha sarv da argomnt la congjra dal 1611-1612 ordda dai fevdatri Parmns cntra Ranuccio I Farns curt Dcca d Prma. La congjra l stda gvidda da Brbra Sansevrnna Sanvidl, contssa d Sla e marchsa d Colrni, vnna dil p bli, instrudi, frissi, dnni dal so tmp, ddol d ttti il Crti, inspiratrce d famz pota, fra i cuj Torquato Tasso ch lha cant al so sprit in divrs e apasjon sontt.

Scuat la congjra, al Dcca lha condan ala pnna capitla Brbra Sansevrnna e ttt j tor fevdatri che cunt l j ron compromss. La sentnsa l stda ezegvda in Pjsa Grnda (adsa Garibldi) un sbot matnna, davanti a na mccia d gnta.

I-n-t loscr e trgich andot dla strja d Prma Farnezjna, pra rizultr chlan fss mga na vra e prprja congjra. Ranuccio Farns, tgnss, sevr, continuatr dla tradisjonla polttica dla so famja, mirnt prmma d tutt a vnsor i potnt fevdatri Parmns e a imposesros di s imns bn, lha ingigant la rela consistnsa d cll complt e, con chla sentnsa d mrta ch, lha sgn al crl dla fevdle famja in-t-al stt farnesjn.

P che n pra strica, rigorosamnt documentda, Zerbini, lha fat npra drta d poeza djaletla Pramzna. Al "poemtt strich-naratv" l comprz dotnta sontt divz in cutor prti, I Fevdatri, La Congira, Al Procss, La Gran Giustssja, d vnt sontt ognn.

Al so comparr l st unnim al cro di consns.

Francesco Squarcia, scritr, crttich e leter, lha dtt:

"La prmma csa ch m ha colp l st al fat che al poemtt, mga sl l al prmm ezmpi dal gnnor strich-naratv; ma al sggna nca n interesnt tentatv d andr fra da srti tenerssi d lidlli picn-borghz, chl ha si cre nca dil czi grasjzi in-t-la nstra poeza djaletla, ma l ormi trp scont, l cul d p che lmpit popolarsch che al guust nartich dal compls; cio un trt ch l influssa p a fnd e l confda na zmnja sicra, na vizjn e na meditasjn ch jn bn prprj dal Zerbini".

Ildebrando Pizzetti l ha muziche in-t-al 1951 tri sontt dla Congira, cj riguardnt Brbra Sansevrnna condta al suplssi.

In-t-al 50 dla mrta dal pota Alfredo Zerbini con chla serda ch vrmma ricordr vn di p grnd pota djaletl Pramzn dal scol scrs.

En. Ma.

www.parmaindialetto.it


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright 2000-2017
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy