Portale di informazione Parmense su www.NelParmense.it
Portale d'informazione Parmense su www.NelParmense.it

ARDOLA DI ZIBELLO – L’ANTICA CHIESA DI SAN ROCCO, LUOGO IN CUI DIO SI E’ MANIFESTATO ATTRAVERSO MIRACOLI ED EVENTI PRODIGIOSI, RISCHIA IL CROLLO PER LE SUE PRECARIE CONDIZIONI STRUTTURALI. 
L’ESTATE 2005 SI ARRICCHISCE DI ATTIVITA’, FRA BENEDIZIONI DEGLI ANIMALI, CELEBRAZIONI, MOSTRE E FESTE

La Chiesa-Santuario di San Rocco in Ardola di Zibello (Parma), nonostante le precarie condizioni strutturali, continua ad essere un punto di riferimento significativo, non solo per gli abitanti della piccola località agreste, ma anche per tanti fedeli della Bassa Parmense. Da oltre un decennio però è chiuse e le sue condizioni strutturali non fanno altro che peggiorare. Per evitare che la situazione possa precipitare, il Comitato San Rocco, costituitosi da alcuni anni, sta cercando tutte le soluzioni possibili al fine di reperire i fondi necessari per la sistemazione ed il recupero della chiesa. L’appello è forte e rivolto a tutti: ai cittadini chiamati ad un piccolo ma significativo gesto di carità; alle imprese, chiamate a loro volta a sostenere la “corsa” per il recupero del sacro edificio; alle Pubbliche Istituzioni, che nei loro diversi ruoli hanno un compito fondamentale in questa gara di solidarietà.

LA STORIA: Correva l’anno 1746, periodo in cui la Bassa Parmense era flagellata da una grave pestilenza che colpiva gli animali. La popolazione locale si affidava, con preghiere e suppliche, all’intercessione di San Rocco titolare dell’omonimo Oratorio. Il 15 luglio, nonostante la grave siccità, nel fosso antistante il detto Oratorio sgorgò una fonte d’acqua con poteri taumaturgici tali da guarire tutti gli animali che vi si abbeveravano. L’evento ebbe una vastissima risonanza e si avviò uno straordinario pellegrinaggio, con fedeli che arrivarono in massa sia dall’Emilia Romagna che dalla Lombardia. Iniziò subito la costruzione della chiesa (in luogo dell’Oratorio) che venne terminata ed il cui costo fu saldato con le offerte dei pellegrini nel volgere di tre anni. Gli eventi miracolosi furono certificati dall’allora parroco di Pieveottoville, su incarico del Vescovo di Borgo San Donnino. Resta inoltre un’importante testimonianza sulla targa posta sul piedistallo del simulacro di San Rocco ed il rame argentato e sbalzato posto ad ornamento della medesima statua lignea, su commissione della famiglia Boselli, quale segno di gratitudine per le grazie ricevute. 

GLI EVENTI 2005: Questo Comitato, nella programmazione delle iniziative volte al recupero e alla valorizzazione del Santuario dedicato a San Rocco Confessore in Ardola di Zibello, ha stabilito di dare avvio nelle prossime settimane a svariate iniziative, di cui si riporta l’elenco completo:
- VENERDI’ 15 LUGLIO, alle ore 19: il sagrato della Chiesa si trasformerà in una grande ARCA DI NOE’, con la celebrazione della S.Messa seguita da una speciale benedizione degli animali. L’evento, alla sua prima edizione, è stato voluto per ricordare gli eventi miracolosi del Settecento, in particolare quelli avvenuti sugli animali per intercessione di San Rocco. Tutti sono invitati a portare i loro animali, di qualsiasi genere, razza e dimensione, per dare vita a questa grande ARCA DI NOE’.

- LUNEDI’ 15 E MARTEDI’ 16 AGOSTO: Festa Patronale di San Rocco, organizzata da questo Comitato in collaborazione con la Pro loco. Lunedì 15 agosto si terrà una festa gastronomica e musicale in serata. Martedì 16, invece, alle ore 19 il Vescovo di Fidenza S.E. Rev.ma Monsignor Maurizio Galli, Vescovo di Fidenza, presiederà la S.Messa in onore di San Rocco. A seguire, cena e musica “sotto le stelle”.
- MOSTRE: Da metà luglio a metà agosto sarà aperta al pubblico una mostra fotografica dedicata agli eventi, alle persone, ai luoghi che hanno fatto la storia di Ardola nel Novecento. Un’altra esposizione sarà dedicata alla devozione a San Rocco nelle province di Parma, Piacenza e Cremona mentre una terza mostra riguarderà simpatiche caricature realizzate dall’artista locale Lino Molinari. 

OBIETTIVI: L’Obiettivo principale resta innanzitutto quello del recupero strutturale della chiesa. Si intende valorizzare il sacro edificio e promuovere la sua storia, fatta di miracoli ed eventi importanti, facendolo diventare un punto di riferimento per i fedeli di tutta Italia e, in particolare, un luogo di preghiera, devozione e riflessione per chiunque, ma in particolare per chi è alla “ricerca” di Dio e per chi intende chiedere particolari intercessione per la salute propria o di terzi. Fra gli auspici vi è anche quello di realizzare un punto di riferimento per i giovani, anche al fine di far fronte alla carenza di oratori che riguarda il territorio. Inoltre, se la chiesa sarà recuperata, uno spazio sarà particolarmente dedicato alla figura di Sua Santità Giovanni Paolo II. 

COME SOSTENERE QUESTA GARA DI SOLIDARIETA’: è possibile inviare offerte sul Conto corrente numero 352892/14 dell’agenzia di Zibello della Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza intestato a “Chiesa S.Croce – Comitato S.Rocco” oppure sul conto corrente numero 135/2 dell’agenzia di Zibello di Banca Monte Parma intestato a “Riccardi Giacomo, Canvelli Pietro – Comitato S.Rocco”; oppure inviando offerte in busta chiusa all’indirizzo Comitato San Rocco c/o Paolo Panni, via E.Muzio 21 – 43010 Zibello (Parma).


 

Portale d'informazione e cultura Parmense 
http://www.NelParmense.it

Copyright © 2000-2017
NelParmense 
Tutti i diritti riservati.
Avvertenze legali Cookies & Privacy